Percorsi abilitanti 60 CFU Uniba

Ci sono grosse novità per quanto concerne il reclutamento docenti. In merito, è necessario snocciolare l’argomento dei percorsi abilitanti 60 CFU Uniba.

Questi ultimi hanno il compito di formare e reclutare gli aspiranti insegnanti della scuola italiana del futuro. In particolare, i professionisti selezionati sono quelli appartenenti alla scuola secondaria di I e II grado.

Non c’è da stupirsi, dunque, che i soggetti in questione vogliano avere maggiori notizie in merito. In loro soccorso arriva, dunque, il DPCM 60 CFU. Tale normativa, infatti, serve a dare le prime istruzioni sulla questione.

Però, non finisce qui. Infatti, i candidati in lista per la cattedra a tempo indeterminato devono osservare attentamente anche le Linee guida ANVUR.

Per quale motivo? Perché delineano il processo di accreditamento iniziale dei programmi formativi abilitanti per gli anni accademici 2023-2024 e 2024-2025.

Struttura dei percorsi abilitanti 60 CFU Uniba

Da quanto detto nell’introduzione, è evidente che i percorsi abilitanti 60 CFU Uniba siano indirizzati a un preciso tipo di soggetti. 

Infatti, tale programma formativo e di reclutamento serve agli aspiranti docenti della scuola secondaria di I e II grado.

I protagonisti della vicenda, però, devono comprendere il percorso che dovranno affrontare, Questo servirà per poter raggiungere la cattedra a tempo indeterminato.

Infatti, gli aspiranti insegnanti dovranno seguire l’iter sottostante:

  • formazione universitaria o accademica iniziale. Gli interessati devono completare un programma di formazione presso un’istituzione universitaria o accademica, il quale richiede l’acquisizione di almeno 60 CFU/CFA;
  • concorso pubblico nazionale. Dopo aver conseguito i 60 CFU/CFA, i candidati sono tenuti a partecipare a un concorso pubblico a livello nazionale, con la possibilità di indire concorsi regionali o interregionali, in base alle disposizioni locali;
  • periodo di prova nell’insegnamento. Una volta superato il concorso, i futuri insegnanti entrano in un periodo di prova in servizio. Questo periodo ha una durata annuale e include un esame finale e una valutazione conclusiva.

60 CFU, 30 CFU, 36 CFU

I percorsi abilitanti 60 CFU Uniba sono molto strutturati. Infatti, presentano al proprio interno molteplici strade che possono essere intraprese dagli aspiranti docenti.

Questo non vuol dire che i candidati possano scegliere quella che prediligono. Al contrario, il MIM ha sancito delle regole ben precise che vanno a differenziarsi a seconda della particolare situazione trattata.

Infatti, i 60 CFU racchiudono:

  • 60 CFU, che saranno il requisito obbligatorio per chiunque voglia abilitarsi nella docenza e saranno messi in pratica dal 1° gennaio 2025;
  • 30 CFU, per chi possiede già nel proprio curriculum vitae l’abilitazione all’insegnamento o di una specializzazione per un’altra classe di concorso;
  • 30 CFU, una vera e propria fase transitoria. La stessa destinata a quanti a chi ha all’attivo almeno 3 anni di servizio alle proprie spalle presso le scuole paritarie o statali. Inoltre, degli stessi, almeno 1 anno nella specifica classe di concorso;
  • 30 CFU, anch’essa una fase transitoria rivolta ai neo-laureati che non hanno acquisito i 24 CFU entro il 31 ottobre 2022. Dopo il corso iniziale, potranno aderire al concorso nazionale fino al 31 dicembre 2024;
  • 36 CFU, per quanti abbiano il titolo di accesso unito ai 24 CFU.

60 CFU: i titoli di accesso

Il Ministero dell’Istruzione e del Merito si è espresso anche in merito ai titoli di accesso. Essi sono necessari per prendere parte ai percorsi abilitanti 60 CFU Uniba.

Inoltre, tali criteri di ammissione non sono uguali per tutti, ma si differenziano a seconda delle caratteristiche del singolo concorrente:

Percorso CFUDestinatariRequisiti
60 CFULaureati
60 CFUITPDiploma fino al 31 dicembre 2024. Dal 1° gennaio 2025: laurea
60 CFUStudenti in corsi di studio per insegnantiAcquisizione di almeno 180 CFU

Percorsi abilitanti 60 CFU Uniba

L’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro” si è messa a disposizione del MIM per l’attuazione dei nuovi programmi di formazione docenti.

In merito, però, non può ancora esprimersi e il motivo è abbastanza semplice. Infatti, è in attesa delle nuove direttive da parte del Ministero dell’Istruzione e del Merito.

Nonostante ciò, tale università ha creato una pagina web che in seguito sarà davvero utile a quanti vogliano entrare nel mondo della scuola italiana. Infatti, la stessa verrà aggiornata con una certa regolarità.

Al suo interno, inoltre, sarà fattibile trovare le ultime novità in merito ai percorsi abilitanti 60 CFU Uniba. Uno strumento essenziale, dunque, che non deve affatto essere sottovalutato.

SCARICA il PDF del DPCM 60 CFU (Gazzetta Ufficiale n. 224 del 25 settembre 2023)

Condividi questo articolo

ALTRI CONTENUTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI