Percorsi abilitanti 60 CFU Unibg

Percorsi abilitanti 60 CFU Unibg

Nei contesti educativi attuali, c’è un crescente interesse nell’esaminare da vicino la formazione e la selezione dei docenti. Un’area di particolare interesse riguarda i nuovi percorsi abilitanti 60 CFU Unibg, che stanno cambiando il panorama educativo.

La caratteristica distintiva di questi percorsi è la loro focalizzazione su un pubblico specifico. Si tratta degli aspiranti docenti della scuola secondaria di I e II grado, come delineato nel DPCM 60 CFU

Questa iniziativa rappresenta una svolta nel reclutamento degli insegnanti. inoltre, è supportata dalla normativa italiana e promossa dal Ministero dell’Istruzione e del Merito.

Tuttavia, per coloro che desiderano questa opportunità, è fondamentale ottenere informazioni dettagliate. 

Le Linee guida ANVUR, per esempio, offrono indicazioni essenziali riguardo all’accreditamento iniziale dei programmi formativi abilitanti. Ciò soprattutto per gli anni accademici 2023-2024 e 2024-2025.

Titoli di accesso

I percorsi abilitanti 60 CFU Unibg rappresentano un aspetto fondamentale nella formazione degli insegnanti per le scuole italiane. 

Come già detto, sono specificamente pensati per coloro che mirano a lavorare nelle scuole secondarie di I e II grado.

L’accesso a tali programmi formativi non è così immediato per tutti. Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha definito diversi requisiti d’ingresso che i candidati devono soddisfare.

Classi di concorso 60 CFU Uniud
Percorso CFUDestinatariRequisiti
60 CFULaureati
60 CFUITPDiploma fino al 31 dicembre 2024. Dal 1° gennaio 2025: laurea
60 CFUStudenti in corsi di studio per insegnantiAcquisizione di almeno 180 CFU

Attività formative

Un aspetto cruciale da comprendere è identificare le attività formative coinvolte nei percorsi abilitanti 60 CFU Unibg

La regolamentazione di riferimento in questo contesto è rappresentata dal Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 4 agosto 2023.

Qui di seguito, vi è una tabella esaustiva che riassume i concetti fondamentali in materia.

Attività formativeCFU/CFA
Discipline di area pedagogica10
Tirocinio diretto e indiretto20
Formazione inclusiva delle persone con BES3
Disciplina di area linguistico-digitale3
Disciplina psico-socio-antropologiche4
Metodologie didattiche: introduzione ai modelli di mediazione didattica per la secondaria2
Didattiche delle discipline e metodologie delle discipline di riferimento (delle classi di concorso)16
Discipline relative all’acquisizione di competenze nell’ambito della legislazione scolastica2

Svolgimento percorsi abilitanti 60 CFU Unibg

I percorsi abilitanti 60 CFU Unibg si inseriscono in un quadro ben preciso. Rappresentano la volontà dell’Università degli Studi di Bergamo di dare credito a un nuovo modello di reclutamento docenti.

Il procedimento in questione, ovviamente, deve avanzare secondo le linee guida volute dal Ministero dell’Istruzione e del Merito. Dunque, i candidati devono seguire il seguente itinerario:

  • percorso universitario e accademico abilitante;
  • concorso pubblico nazionale;
  • periodo di prova in servizio.

I percorsi abilitanti 60 CFU Università degli Studi di Bergamo

Con il Decreto del 4 agosto 2023, ufficializzato nella Gazzetta Ufficiale il 25 settembre 2023 , è stata delineata la formazione docente. Essa va a esprimersi tramite i percorsi abilitanti 60 CFU Unibg

Inoltre, è bene ribadirlo, sono volti alla formazione iniziale degli insegnanti per le scuole secondarie di I e II grado.

Tale decreto apre la strada alla creazione di percorsi formativi con carichi formativi di 60, 30 e 36 CFU. Ciò a seconda delle specifiche indicazioni fornite negli allegati del decreto stesso.

Attualmente, sono in fase di definizione. Si stanno delineando non solo le classi di concorso coinvolte, ma anche le tempistiche, i curricula e le procedure di ammissione.

In ogni caso, l’Università degli Studi di Bergamo ha messo a disposizione degli utenti un prezioso elemento. Si tratta di una pagina web utile per rimanere aggiornati sull’andamento del reclutamento degli insegnanti.

Condividi questo articolo

ALTRI CONTENUTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI