ITP concorso

ITP concorso

C’è crescente attesa, nel mondo accademico, in merito all’uscita del bando, più volte annunciato, che riguarda il Concorso straordinario ter 2023.

Già previsto, infatti, per fine Settembre, il bando per ITP concorso sarebbe dovuto uscire entro metà ottobre, come pubblicato dal decreto di autorizzazione all’avvio delle procedure, sulla Gazzetta Ufficiale del 9 settembre.

Per l’anno scolastico 2023/2024, dunque, il MIM, Ministero dell’istruzione e del merito, è autorizzato ad indire concorsi per 30.216 posti di personale docente.

Tra questi: 21.101 su posto comune e 9.115 sul sostegno.

Molto probabilmente, il numero delle assunzioni salirà a 44.654, in seguito alla richiesta del MIM al Ministero dell’Economia e delle Finanze, di un aumento dei posti assegnabili.

Requisiti docenti ITP

Secondo la normativa vigente e fino al 31 dicembre 2024, i diplomi che danno accesso alle classi di concorso per Insegnanti tecnico pratici (ITP) rimangono validi ai fini della partecipazione ai concorsi. I medesimi titoli, entro i medesimi termini, saranno, inoltre, riconosciuti anche ai fini dell’accesso ai corsi abilitanti.

Dal 1°gennaio 2025, cambieranno i requisiti per accedere alle classi di concorso ITP e, quindi, all’insegnamento. A partire da questa data, infatti, anche per i docenti tecnico pratici diverrà obbligatorio il conseguimento di una Laurea triennale per poter avere accesso ai concorsi.

ITP concorso

Generalmente, per poter partecipare al Concorso straordinario ter 2023, gli aspiranti docenti devono aver accumulato 3 anni di servizio (di cui almeno uno specifico nella Cdc per la quale ci si candida) presso le scuole statali negli ultimi cinque anni, oppure aver conseguito 24 Crediti formativi universitari entro il 31 ottobre 2022. 

Per l’ITP concorso, in particolare, non è previsto il requisito dei 24 CFU; per quanto riguarda, invece, i tre anni di servizio, si richiede lo svolgimento di almeno un’annualità nella classe di concorso ITP per la quale si concorre.

Per il calcolo dell’anno, sono richiesti 180 giorni o in alternativa servizio continuativo dal 1° febbraio fino a fine anno scolastico.

Svolgimento ITP concorso

Il Concorso straordinario ter 2023 prevede due prove: una scritta e l’altra orale.

La prova scritta avrà una durata di 100 minuti e sarà svolta su pc. Per i posti comuni da ITP, sarà composta da 50 domande a risposta multipla così suddivise:

  • 10 quesiti in ambito pedagogico;
  • 10 quesiti in ambito psicopedagogico;
  • 20 quesiti in ambito metodologico-didattico
  • 5 quesiti sulla conoscenza della lingua inglese, livello B2;
  • 5 quesiti sulle competenze digitali.

Per i posti di sostegno ITP sono previste 40 domande relative alla didattica applicata alle diverse tipologie di disabilità e all’inclusione e 10 quesiti suddivisi equamente tra la lingua inglese e le competenze digitali.

Per ogni risposta corretta, saranno attribuiti 2 punti.

La prova si riterrà superata con un punteggio di 70/100.

La prova orale per i posti comuni consisterà in un colloquio, volto a valutare le competenze disciplinari e didattiche dei candidati. Avrà una durata di 45 minuti e comprenderà la simulazione di una lezione. La traccia della lezione sarà estratta da ciascun candidato 24 ore prima della prova e la stessa verrà esclusa dai successivi sorteggi.

La prova orale per i posti di sostegno verterà sulle capacità del candidato di garantire l’inclusione dell’alunno con disabilità, creando un ambiente di apprendimento inclusivo.

Dunque, il Concorso straordinario ter 2023 rappresenta forse l’ultima possibilità per gli ITP di utilizzare il diploma come titolo di accesso.

Per i concorsi banditi dopo il 2024, infatti, gli insegnanti tecnico pratici dovranno possedere una laurea triennale coerente con le classi di concorso.

Preparati al meglio per il Concorso straordinario ter 2023! Clicca ora sul link del Corso di preparazione e raggiungi il tuo obiettivo di diventare docente nella scuola italiana.

CORSO DI PREPARAZIONE CONCORSO STRAORDINARIO TER 2023

DECRETO 3 agosto 2023 Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale N. 211 del 09.09.2023

Condividi questo articolo

ALTRI CONTENUTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI