Novità bando, chi può fare il concorso per dirigente scolastico?

Novità bando, chi può fare il concorso per dirigente scolastico

Secondo quanto comunicato dal Ministero dell’Istruzione e del Merito, il tanto atteso bando per il concorso dirigenti scolastici 2023 sarà reso disponibile nella seconda metà di luglio. Quindi, proprio nei prossimi giorni. Il termine ultimo per la presentazione delle istanze scadrà, invece, a fine agosto.

Le fasi preliminari per l’organizzazione di questo concorso sono state lunghe e complesse. La bozza del regolamento è stata sottoposta al parere non vincolante del Consiglio Superiore della Pubblica Istruzione (CSPI) già nel febbraio del 2022. Tuttavia, la definizione definitiva dello stesso è avvenuta solamente nell’ottobre successivo e la relativa pubblicazione addirittura solo nel mese di gennaio 2023.

Superate queste fasi di pianificazione e definizione, è ora finalmente possibile concentrarsi sulle prossime tappe del concorso. La prima sfida di rilievo che i partecipanti dovranno affrontare sarà la prova preselettiva. Tale prova costituisce il primo ostacolo di rilievo per i partecipanti, in quanto condiziona l’accesso alle prove concorsuali successive, sia scritte che orali.

Ruolo e compiti del DS

Prima di approfondire tutti gli aspetti legati a chi può fare il concorso per dirigente scolastico, cerchiamo di capire meglio di cosa si occupa il DS all’interno degli istituti scolastici.  

Il ruolo del dirigente scolastico prevede, anzitutto, l’organizzazione e la gestione delle risorse. Lo stesso rappresenta, inoltre, un pilastro fondamentale all’interno delle istituzioni scolastiche, con ruoli di grande responsabilità e impatto. E deve garantire la qualità dell’istruzione e la collaborazione con il territorio.

Tra le principali responsabilità dei dirigenti scolastici, rientra la gestione delle risorse finanziarie, strumentali e umane, assicurando un utilizzo ottimale e responsabile delle stesse. Inoltre, hanno autonomi poteri di direzione, coordinamento e valorizzazione delle risorse umane, promuovendo un ambiente di lavoro positivo e stimolante per tutto il personale scolastico.

Un altro aspetto cruciale del ruolo del dirigente scolastico è l’organizzazione dell’attività scolastica, garantendo criteri di efficienza ed efficacia formativa. Inoltre, essi sono titolari delle relazioni sindacali, collaborando con le organizzazioni sindacali per affrontare le tematiche legate al personale e alle condizioni di lavoro.

Tra i compiti del dirigente scolastico c’è quello di assicurare la qualità della formazione offerta dalla scuola, promuovendo strategie e programmi educativi che favoriscano lo sviluppo degli studenti. Inoltre, collaborano attivamente con il territorio, stabilendo partenariati culturali, professionali, sociali ed economici al fine di offrire un’educazione completa e integrata.

Essi tutelano anche l’esercizio della libertà di insegnamento, comprendendo la libertà di ricerca e l’innovazione metodologica e didattica

Quanto guadagna un dirigente scolastico?

Ma quello che si chiedono in molti – al di là di chi può fare il concorso per dirigente scolastico – è: quanto guadagna un dirigente scolastico

La retribuzione del dirigente scolastico rappresenta un aspetto di grande rilevanza, andando ben oltre il mero stipendio tabellare. L’ammontare del salario, che varia tra i 70.000 e i 100.000 euro, dipende da diversi fattori, tra cui la retribuzione di posizione, la regione in cui si svolge il servizio e le ritenute fiscali e previdenziali.

La struttura della retribuzione del dirigente scolastico è delineata dal Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro (CCNL) dell’Area dirigenziale Istruzione e Ricerca. Essa si compone di tre principali elementi:

1. Trattamento fondamentale: comprende lo stipendio tabellare, la Retribuzione Individuale di Anzianità (RIA) e la retribuzione di posizione fissa. Questi elementi costituiscono il nucleo fondamentale del trattamento economico del dirigente scolastico.

2. Trattamento accessorio: include la retribuzione di posizione variabile, la retribuzione di risultato e i compensi per la reggenza di eventuali altre istituzioni scolastiche. Questi elementi rappresentano dei contributi aggiuntivi al trattamento economico del dirigente scolastico, riconoscendo il valore del suo lavoro e delle sue performance.

3. Trattamento economico per incarichi aggiuntivi: riguarda le indennità previste per specifiche attività aggiuntive svolte dal dirigente, alcune delle quali obbligatorie come gli esami di Stato, mentre altre sono facoltative come la direzione dei progetti PON/POR. Tali incarichi aggiuntivi comportano un compenso economico aggiuntivo, valorizzando il ruolo del dirigente scolastico nell’assunzione di responsabilità extra.

È importante sottolineare che la struttura della retribuzione del dirigente scolastico è stabilita nel rispetto del CCNL e delle disposizioni normative vigenti, garantendo trasparenza e coerenza nell’assegnazione delle retribuzioni.

Concorsi per dirigente scolastico: USR responsabile della procedura

Nel contesto dei concorsi per dirigente scolastico, l’Ufficio Scolastico Regionale (USR) riveste un ruolo fondamentale nella gestione e nell’organizzazione della procedura. L’USR è l’ente responsabile della supervisione e del coordinamento di tutte le attività legate al concorso a livello regionale.

Uno dei compiti principali dell’USR è garantire la corretta applicazione delle normative e delle disposizioni ministeriali inerenti al concorso per dirigente scolastico. Questo significa che deve assicurarsi che tutte le fasi del concorso siano svolte nel rispetto delle regole stabilite, fornendo orientamenti e indicazioni chiare ai candidati e alle commissioni giudicatrici.

Inoltre, l’USR è responsabile della selezione e della nomina delle commissioni giudicatrici che valuteranno le competenze e le capacità dei candidati. E si occupa anche dell’approvazione delle graduatorie di merito, che classificano i candidati in base alle loro prestazioni. 

Un’altra responsabilità dell’USR riguarda l’organizzazione e la gestione del periodo di formazione e prova per i candidati selezionati. 

Requisiti per concorso DS 2023

La partecipazione ai concorsi per dirigente scolastico richiede il possesso di determinati titoli e competenze. Per poter assumere questo importante ruolo dirigenziale è, infatti, richiesta anche l’aver maturato una solida esperienza nel campo dell’istruzione.

Nello specifico, i requisiti per il concorso dirigente scolastico sono:

  • Esperienza lavorativa: la partecipazione al concorso è riservata esclusivamente al personale docente che abbia accumulato almeno 5 anni di servizio presso istituzioni scolastiche ed educative del sistema nazionale di istruzione. 
  • Requisiti generali per i concorsi pubblici: i candidati devono possedere i requisiti generali richiesti per partecipare ai concorsi pubblici, come stabilito dalla normativa vigente. 

Inoltre, i candidati devono possedere uno dei seguenti titoli di studio:

  • Laurea magistrale;
  • Laurea specialistica;
  • Diploma di laurea ottenuto secondo gli ordinamenti didattici precedenti al decreto ministeriale n. 509 del 3 novembre 1999;
  • Diploma accademico di secondo livello rilasciato dalle istituzioni dell’alta formazione artistica, musicale e coreutica;
  • Diploma accademico di vecchio ordinamento congiunto con diploma di istituto secondario superiore.

È importante tenere presente che i cinque anni di anzianità possono essere riconosciuti anche per i seguenti casi:

  • servizi effettivamente prestati prima dell’immissione in ruolo, a condizione che al momento della partecipazione al concorso vi sia già stata la conferma in ruolo;
  • servizi valutabili come servizio di preruolo nelle scuole paritarie riconosciute dalla Legge 62 del 10 marzo 2000.

Inoltre, è importante notare che il servizio viene considerato prestato per un anno intero se è stato svolto per almeno 180 giorni o in modo ininterrotto dal primo febbraio fino al termine delle operazioni di scrutinio finale. 

I candidati che soddisfano questi requisiti avranno l’opportunità di partecipare al concorso per dirigente scolastico 2023 e dimostrare le proprie competenze e capacità nel campo dell’istruzione.

Concorso per dirigente scolastico: chi non lo può fare?

Abbiamo appena visto chi può fare il concorso per dirigente scolastico. Ma è importante sottolineare che non tutti possono partecipare al concorso per dirigenti scolastici. 

Sono, infatti, esclusi dalla partecipazione coloro che non soddisfano i requisiti precedentemente menzionati. Ovvero il personale docente con meno di 5 anni di servizio nelle istituzioni scolastiche ed educative del sistema nazionale di istruzione. Nonché coloro che non possiedono i titoli di studio richiesti. 

È, quindi, fondamentale verificare attentamente i requisiti prima di presentare la domanda di partecipazione.

Il concorso dirigente scolastico rappresenta un’opportunità unica per coloro che desiderano assumere un ruolo di leadership nel campo dell’istruzione. Tuttavia, è necessario essere consapevoli dei requisiti richiesti e valutare attentamente se si è idonei a partecipare. Chi possiede i requisiti necessari e aspira a guidare un’istituzione scolastica avrà la possibilità di mettere alla prova le proprie competenze e contribuire allo sviluppo del sistema educativo.

Preparati al successo nel concorso dirigenti scolastici! Iscriviti al Corso di preparazione e ottieni il vantaggio competitivo di cui hai bisogno. Scegli l’eccellenza, investi nel tuo futuro professionale. Prenota ora e prendi il controllo del tuo percorso verso la carriera da dirigente scolastico!

CORSO DI PREPARAZIONE CONCORSO DIRIGENTE SCOLASTICO

Condividi questo articolo

ALTRI CONTENUTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI