Le Graduatorie Istituto

Le Graduatorie Istituto

Navigare il mondo delle graduatorie scolastiche può essere un’esperienza confusa e labirintica. Tra Graduatorie ad esaurimento (GaE), Graduatorie provinciali per le supplenze (GPS) e Graduatorie d’istituto (GI), è davvero facile perdersi. 

Fortunatamente, ogni sigla ha un suo preciso significato e utilizzo, e con un po’ di chiarezza è possibile capire il funzionamento di ciascuna.

Le GaE sono riservate ai precari storici abilitati, ma non sono aperte a nuovi inserimenti dal 2006. 

Le più diffuse sono certamente le GPS, istituite nel 2020 utilizzate dagli Uffici scolastici provinciali (USP) per assegnare le supplenze di lunga durata nelle scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di I e II grado. Ma solo dopo lo scorrimento e l’eventuale incapienza delle GaE.

Le Graduatorie d’Istituto (GI), invece, sono un elenco di insegnanti utilizzato per assegnare supplenze brevi, come per esempio in caso di malattia del docente titolare della cattedra. 

Quante fasce ci sono nelle Graduatorie di istituto? 

Le Graduatorie istituto sono divise in tre fasce, che comprendono:

  • Prima fascia: docenti inseriti nelle Graduatorie ad esaurimento;
  • Seconda fascia: docenti abilitati della prima fascia delle Graduatorie provinciali per le supplenze;
  • Terza fascia: docenti della seconda fascia delle Graduatorie provinciali per le supplenze.

Nello specifico, le GI sono strutturate su base provinciale e aggiornate periodicamente per quanto concerne sia i titoli sia le posizioni degli iscritti. L’ultimo aggiornamento si è svolto nel maggio del 2022, in concomitanza con quello delle GPS (OM 112/2022).

Le  supplenze da Graduatorie Istituto

Il Dirigente scolastico può utilizzare le Graduatorie d’Istituto per assegnare supplenze temporanee fino al termine delle attività didattiche. In particolare, le GI possono essere utilizzate per:

  • supplenze annuali e temporanee per posti non coperti con il personale incluso nelle Graduatorie ad esaurimento e nelle Graduatorie provinciali per le supplenze;
  • supplenze brevi per la sostituzione di personale temporaneamente assente;
  • supplenze per la copertura di posti divenuti disponibili dopo il 31 dicembre.

Se la Graduatoria di istituto è esaurita, il dirigente scolastico fa riferimento alle Graduatorie di altri istituti della provincia, secondo il criterio della viciniorità. 

Una volta esaurite tutte le GI della provincia, attinge alle MAD (Messa a disposizione). 

Aggiornamento delle Graduatorie Istituto

L’ultimo aggiornamento delle GI si è svolto nel maggio 2022 – correlato con quello delle GPS – e ha consentito anche di procedere a nuovi inserimenti. Gli aspiranti docenti hanno potuto indicare fino a 20 scuole per ciascuna classe di concorso nella stessa provincia indicata per le Graduatorie provinciali per le supplenze (GPS). 

Tuttavia, per le scuole dell’infanzia e primaria era possibile indicare solo fino a 2 circoli didattici e 5 istituti comprensivi.

Il prossimo aggiornamento delle Graduatorie Istituto è previsto per il 2024. A partire da quella data, gli aspiranti docenti potranno confermare la stessa provincia, cambiare provincia o effettuare nuovi inserimenti. 

È, tuttavia, probabile che dal 2024 la validità delle GI torni ad essere triennale, come in passato.

Inserimento nelle Graduatorie Istituto e GPS

È possibile presentare la domanda per l’inserimento nelle Graduatorie d’Istituto contestualmente alla domanda di inclusione nelle Graduatorie provinciali per le supplenze, indicando fino a 20 istituzioni scolastiche situate nella medesima provincia scelta per l’inserimento nelle GPS. 

In ogni caso, sia le Graduatorie provinciali per le supplenze sia quelle d’istituto offrono la possibilità di lavorare come insegnanti precari. Per questo motivo, è importante conoscere il funzionamento di ciascuna graduatoria e presentare la domanda per l’inserimento nei tempi e nei modi previsti dalle norme in vigore.

Condividi questo articolo