Supplenze sostegno senza abilitazione

Supplenze sostegno senza abilitazione

La mancanza di insegnanti di sostegno nelle scuole è un problema da tempo. Uno dei motivi principali è la carenza di docenti abilitati al sostegno, cosa che spinge le scuole a cercare di coprire le cattedre vacanti con posti in deroga. Affidati anche a docenti non qualificati.

Tuttavia, molti insegnanti che iniziano la loro carriera come supplenti potrebbero avere maggiori opportunità se si candidassero anche per le supplenze di sostegno. 

Anche se non hanno la possibilità di insegnare fin da subito la materia attinente alle loro classi di concorso, gli aspiranti docenti possono, però, candidarsi con la Messa a disposizione (MAD) sostegno, specificando la propria disponibilità.

I docenti abilitati hanno sempre la priorità di convocazione. Ma in mancanza di questi, le scuole convocano anche i docenti senza abilitazione. 

Le graduatorie incrociate

Il sistema di attribuzione delle supplenze per i docenti di sostegno è disciplinato da una normativa che prevede la possibilità, anche per gli insegnanti privi di titolo, di ottenere un incarico. 

Questa eventualità si verifica quando non ci sono candidati disponibili dalle Graduatorie ad esaurimento (GaE) né dalle Graduatorie di istituto (GPS). 

Ed è proprio in questo caso che si ricorre alle graduatorie incrociate, che sono elenchi di docenti delle varie classi di concorso, in base alla migliore collocazione di fascia col relativo miglior punteggio.

L’algoritmo, basandosi sull’incrocio di disponibilità, graduatorie e preferenze espresse, assegna i candidati alle scuole. Nel caso del sostegno, ci sono due procedure

  • nomine finalizzate al ruolo da GPS sostegno prima fascia; 
  • supplenze (in cui possono essere inseriti anche i docenti non specializzati).

Attribuzione supplenze sostegno senza abilitazione 

Nel sistema di attribuzione delle supplenze viene data priorità ai docenti specializzati inseriti nelle graduatorie. Ma se non fossero disponibili, l’algoritmo può attingere da GaE e GPS posto comune. 

Per ottenere una supplenza su posto di sostegno, i docenti non specializzati devono aver fatto apposita richiesta nella domanda presentata entro il 16 agosto.

In passato, il ministero non è stato capace di trovare personale sufficiente per coprire tutte le cattedre di sostegno vacanti, motivo per cui è stata introdotta la seconda fascia GPS sostegno

Ora, grazie alle graduatorie incrociate, è possibile coprire una cattedra di sostegno anche se il docente che ottiene l’incarico è privo di titolo.

Condividi questo articolo