Concorso STEM femminile plurale

STEM femminile plurale

Come negli scorsi anni scolastici, l’8 marzo ha dato nuovamente l’avvio al Mese delle STEM, iniziativa sostenuta dal Ministero dell’Istruzione e del Merito con lo scopo di promuovere le discipline scientifiche e tecnologiche. Il Ministero rilancia il bando riguardo al concorso scolastico nazionale STEM: femminile plurale.

Si tratta di comprendere la straordinaria opportunità che tali materie possono offrire aiutando a sradicare ogni stereotipo di genere. 

L’obiettivo è quello di sensibilizzare i ragazzi sull’impatto considerevole riguardo l’avanzamento delle discipline STEM indipendentemente dal genere.

Le aree tematiche del concorso STEM femminile plurale

Il concorso quest’anno propone di realizzare un progetto a scelta tra due aree tematiche.

Tali aree tematiche possono essere:

  • Entra nel Gioco
  • Essere o non Essere.

Entra nel Gioco

Per quanto riguarda l’area Entra nel Gioco, l’elaborato sarà incentrato a favorire la partecipazione e la condivisione dell’importanza dell’applicazione delle discipline STEM da parte di tutti, ma in particolare da parte delle ragazze. 

Il gioco dovrà sottolineare il forte collegamento tra discipline scientifiche e discipline umanistiche, nella visione di un sapere unitario senza alcuna barriera. 

Un sapere in grado di affrontare in maniera positiva le sfide poste dalla transizione ecologica ed ambientale.

Essere o Non Essere

Per quanto riguarda l’area tematica Essere o Non Essere, l’elaborato dovrà evidenziare l’importanza delle materie STEM al fine di esercitare autonomamente una cittadinanza attiva, mettersi al riparo dai rischi che le nuove frontiere tecnologiche ci presentano se non vissute con piena consapevolezza e incidere sulla transizione digitale. 

L’elaborato dovrà far emergere l’importanza sociale della piena inclusione dell’universo femminile in queste disciplina.

STEM femminile plurale chi può partecipare

Il concorso STEM: femminile plurale è aperto a tutti gli studenti delle scuole italiane, indipendentemente dal grado di istruzione, e possono partecipare sia come classe che come gruppo. 

Il concorso è diviso in tre categorie: 

  • scuola primaria, 
  • scuola secondaria di primo grado,
  • scuola secondaria di secondo grado. 

Ogni istituzione scolastica può partecipare con un solo progetto per ogni categoria

I progetti devono essere presentati in una delle tre forme specificate: 

  • multimediale, 
  • artistica,
  • letteraria. 

La presentazione degli elaborati dovrà essere entro il prossimo 9 maggio 2023, attraverso la piattaforma: https://www.noisiamopari.it/

I progetti vincenti in ogni categoria saranno premiati con un finanziamento di €1.000,00 ciascuno, da utilizzare per l’organizzazione di iniziative di formazione e sensibilizzazione nelle istituzioni scolastiche. 

Per maggiori informazioni, è possibile contattare la Direzione generale per lo studente, l’inclusione e l’orientamento scolastico.

Condividi questo articolo

ALTRI CONTENUTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI