ICDL è valida come Certificazione di Alfabetizzazione Digitale per ATA? 

ICDL è uno standard internazionale riconosciuto dai principali enti e organismi che si occupano di competenze digitali.

ICDL è uno standard internazionale riconosciuto dai principali enti e organismi che si occupano di competenze digitali. In passato, la suddetta Certificazione era conosciuta come ECDL, ovvero la Patente europea del computer. Ma l’ICDL vale come Alfabetizzazione Digitale? Scopriamolo.

Cos’è l’ICDL (ex ECDL)?

L’ECDL, European Computer Driving License, ha finora rappresentato un certificato volto ad attestare, a livello internazionale, l’insieme delle abilità necessarie per poter lavorare col personal computer. Attraverso l’ECDL era possibile acquisire crediti universitari, punteggio in concorsi pubblici e, in generale, vantaggi e opportunità nel mondo del lavoro.

L’ECDL è ora diventata ICDL (International Certification of Digital Literacy), ovvero Certificazione Internazionale di Alfabetizzazione Digitale. L’ICDL è sempre più richiesto come requisito d’accesso per la maggior parte dei profili, tanto nell’ambito scolastico quanto al di fuori.

La Digital Literacy, ovvero l’alfabetizzazione digitale, riguarda, infatti, le capacità e le abilità concernenti l’utilizzo delle tecnologie informatiche. In questo insieme di competenze rientrano sia quelle prettamente tecniche sia quelle correlate al corretto utilizzo dei contenuti digitali.

La Certificazione ICDL vale come Certificazione di Alfabetizzazione Digitale per ATA?

Il Parlamento ha dato il via libera definitivo al Decreto Legge 215/23, noto come “Milleproroghe”, trasformandolo in legge, il 21 febbraio scorso. Questo decreto include una serie di modifiche, tra cui quelle riguardanti il Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro.

Le modifiche, nel settore scolastico, includono innanzitutto la conferma della pubblicazione del Bando ATA nel 2024, presumibilmente in estate. In secondo luogo, la possibilità di ottenere la Certificazione Alfabetizzazione Digitale per ATA entro un anno dalla pubblicazione del bando.

Il Decreto Legislativo n.13 del 16 Gennaio 2013 assegna ad Accredia il compito di autorizzare chi può rilasciare certificazioni in Italia, nel rispetto della norma ISO 17024:2012. 

Grazie al riconoscimento di Accredia, ICDL Full Standard consegue due primati: è la prima e più diffusa certificazione di competenze digitali accreditata ed è anche l’unica di tipo trasversale, comune a tutte le figure professionali, non solo a quelle del mondo ICT.

ICDL Full Standard, dunque, vale come Certificazione di Alfabetizzazione Digitale. Per ottenerla, è necessario superare sette esami:

  • quattro esami riguardano la certificazione ECDL Base (Computer Essential, Online Essentials, Word Processing, Spreadsheets);
  • Presentation: dedicato ai software per presentazioni;
  • Online collaboration: riguarda le competenze “sociali” e collaborative. Saper usare strumenti di collaborazione in rete, i social network, le applicazioni per dispositivi mobili, servizi e applicazioni disponibili “in cloud”;
  • IT Security: definisce i concetti e le competenze per un uso sicuro delle tecnologie digitali nello studio e nel lavoro. La protezione dell’identità digitale, la sicurezza dei dati, della connessione, del computer, della rete locale, e così via.

L’ICDL ha una validità di cinque anni.

Le Alternative all’ICDL per chi vuole ottenere una Certificazione di Alfabetizzazione Digitale per ATA

Esistono delle valide alternative alla ICDL per ottenere la Certificazione di Alfabetizzazione digitale. Parliamo, naturalmente, di Certificazioni accreditate presso Accredia e che rispettano tutti i requisiti necessari per essere considerate valide.

Il riferimento è alla Certificazione EDSC DigComp 2.2 di Intertek e alla Eipass 7 Moduli Standard.

La Certificazione EDSC DigComp 2.2 di Intertek

Ottenere la Certificazione EDSC DigComp di Intertek è semplice: basta sostenere un esame online, suddiviso in tre parti di complessità crescente. 

La prima parte dell’esame è composta da 42 domande a cui rispondere in massimo 40 minuti, per attestare i livelli di padronanza BASE 1 e BASE 2 del quadro DigComp. 

Nella seconda parte sono previste 42 domande, da rispondere sempre in massimo 40 minuti, che riguardano i livelli di padronanza INTERMEDIO 3 e INTERMEDIO 4. 

La terza e ultima parte è quella più lunga, con 84 domande e massimo 80 minuti a disposizione, per i livelli di padronanza AVANZATO 5, AVANZATO 6, ALTAMENTE SPECIALIZZATO 7 e ALTAMENTE SPECIALIZZATO 8.

Una volta concluso l’esame, si viene iscritti al registro nazionale Accredia e inseriti nel repertorio Nazionale ed Europeo. La Certificazione DigComp viene rilasciata in due formati: 

  • PDF (Portable Document Format), che è trai i più utilizzati per documenti in formato elettronico; 
  • OpenBadge, un nuovo tipo di formato che funziona come un “distintivo digitale”, che consiste in un file immagine PNG o SVG contenente dei metadati.

Il Certificato ha una validità biennale.

La Certificazione Eipass 7 Moduli Standard o la Convalida della Certificazione Eipass 7 Moduli User

Anche la Certificazione EIPASS 7 Moduli Standard è conforme alle normative europee, in particolare all’e-Competence Framework for ICT Users (e-CF) e al DigComp Framework, ed è riconosciuta dal Ministero dell’Istruzione e del Merito.

Essa attesta il possesso di competenze intermedie nell’utilizzo degli strumenti dell’ICT e costituisce un titolo valido per il riconoscimento di punteggio nell’ambito scolastico, universitario e concorsuale. 

Bisogna fare attenzione a non confondere la EIPASS 7 Moduli Standard con la EIPASS 7 Moduli User. Soltanto la prima è valida come Certificazione di Alfabetizzazione Digitale.

C’è da dire, però, che chi possiede la Certificazione EIPASS 7 moduli User può conseguire la Standard sostenendo un apposito esame. Così da renderla valida come CIAD.

Condividi questo articolo

ALTRI CONTENUTI CHE POTREBBERO INTERESSARTI