TFA Sostegno news

TFA Sostegno news

Il TFA Sostegno e le news a esso correlate occupano una posizione di primo piano nel mondo dell’istruzione. Infatti, il Tirocinio Formativo Attivo è la strada maestra da seguire per ottenere l’abilitazione al sostegno.

Dunque, chiunque voglia diventare insegnante in questo settore deve documentarsi in merito. La prima cosa che balza agli occhi è il fatto che il decreto ministeriale sia in netto ritardo rispetto allo scorso anno.

Tale documento è necessario per attivare il motore del concorso. Infatti, la normativa dà il via alle università per mettere in atto la fase selettiva. I vincitori della stessa, in seguito, potranno aderire all’anno formativo per il raggiungimento dell’abilitazione.

Questo perché, è bene ricordarlo, il TFA 2023 è un percorso a numero chiuso. Da qui la necessità per i concorrenti di soffermarsi sul TFA Sostegno e le sue news.

TFA Sostegno news: accesso diretto

I concorrenti in questione devono analizzare il TFA Sostegno news. In particolare, devono prestare attenzione all’accesso diretto.

Ciò implica che gli interessati non devono affrontare le prove preliminari, ma possono seguire direttamente le lezioni del corso. Ne parla il Decreto-Legge n.44 del 22 aprile 2023, anche conosciuto come Decreto PA.

Si fa riferimento a una fase di transizione che è riservata ai docenti che abbiano accumulato almeno 3 anni di esperienza nel ruolo di sostegno, anche se non in modo continuativo. Tuttavia, questi anni devono essere stati svolti negli ultimi 5 anni.

Si parla, in particolare, di un periodo transitorio. Coloro che vorranno usufruirne, dunque, devono sapere che non durerà per sempre. La scadenza dello stesso è attestata al dicembre 2024.

Prove di accesso

In ogni caso, ci sono anche altre nozioni da conoscere su TFA Sostegno news. Tale percorso, infatti, è a numero chiuso. I detentori dei titoli di accesso TFA devono affrontare una fase selettiva.

La stessa è formata da:

  • una prova preselettiva;
  • una prova scritta;
  • una prova orale.

La fase di preselezione comporta la risoluzione di 60 domande a scelta multipla in 2 ore. Almeno 20 di queste domande riguardano le competenze linguistiche e la comprensione dei testi in italiano.

Ogni risposta corretta viene valutata con 0,5 punti, mentre non vengono assegnati punti per risposte errate o non date.

Sia la prova scritta che quella orale sono molto dettagliate. La prova scritta consiste in domande a risposta aperta che esplorano le tematiche affrontate nella fase di preselezione.

La prova orale, invece, indaga anche sulle motivazioni che hanno spinto il candidato a presentare la candidatura. Per superare entrambe le prove, è necessario ottenere un punteggio di almeno 21 su 30.

Se stai cercando di diventare insegnante di sostegno e vuoi prepararti al meglio per il TFA, il corso di preparazione per il TFA Sostegno è l’opzione giusta per te!

Scopri tutte le info sul nostro Corso di preparazione al TFA Sostegno

Condividi questo articolo